Massetti perfetti con Veneta Massetti

0
806
massetti

Il massetto è quello strato cementizio che si posa sul solaio e si utilizza per livellare i pavimenti, portandoli a una quota desiderata. Il massetto serve anche ad accogliere le tubazioni dell’impianto idraulico, termico e i cavi elettrici. Una volta rivestiti i pavimenti, questo strato non sarà più visibile, ma è fondamentale realizzarlo al meglio e noi di Veneta Massetti sappiamo come!

Perché il massetto sia funzionale e perfetto, è necessario che sia piano e che raccordi in modo complanare le stanze di una casa consentendo l’apertura delle porte. Non devono esserci salti di quota neanche quando si utilizzano materiali diversi a terra: tra un pavimento in piastrelle e uno in parquet o marmo non deve esserci differenza. Inoltre non deve avere pendenze per non ostacolare l’appoggio ottimale degli arredi. Basta un errore di pochi millimetri nell’esecuzione di un massetto per essere obbligati poi a rimediare con interventi e costi aggiuntivi. Tra i rischi: porte che lasciano filtrare la luce da sotto oppure armadi non in bolla che sembrano storti rispetto alle pareti circostanti. E questi sono solo degli esempi.

Servono 4/6 centimetri: come calcolarli

L’altezza del massetto varia in base alla tipologia dell’edificio e, in linea di massima, va da 4 cm a 6/8 cm. Per spessori superiori conviene integrare con materiale d’alleggerimento non comprimibile (per esempio argilla espansa) al fine di evitare peso, costi e tempi d’asciugatura eccessivi. Per avere un pavimento alla stessa quota in tutta la casa, qualunque rivestimento si scelga, si calibra lo spessore del massetto facendo riferimento a un’altezza. Solitamente si parte dall’ingresso e si segna a parete un metro di altezza calcolato dal pianerottolo. Questa misura viene riportata in tutte le stanze della casa utilizzando un dispositivo a raggi infrarossi e i cavi “batti-traccia” blu oppure un tubo di gomma che sfrutta il principio dei vasi comunicanti.

Posato ad hoc

Il massetto deve essere conforme alla Norma Uni En 13813, che specifica i requisiti per i materiali dei massetti da costruire per le pavimentazioni in interni. In più, si deve tenere conto di una serie di fattori, affinché l’esecuzione sia perfetta e a regola d’arte. Le quote devono essere battute (cioè riportate e segnate) con grande attenzione. Non bisogna trascurare gli spessori dei materiali che si intende posare, perché sono diversi: le resine e i linoleum raggiungono 5/7 mm di spessore, le ceramiche in genere si aggirano intorno a 1 cm, il parquet ha altezze variabili da 1 a 2 cm, mentre con le pietre si raggiungono facilmente i 2 cm o anche i 3 cm. Conta anche la tecnica di posa dei rivestimenti (con colle, con malte oppure flottanti) e il grado di sensibilità all’umidità che le pavimentazioni scelte possono sopportare. Infine, perché non ci siano errori nella posa del massetto è importante la finitura del massetto stesso: dopo aver compensato o creato le adeguate pendenze a seconda delle esigenze, dovrà essere lisciato per ottenere una superficie regolare e priva di difetti.

La preparazione

Un massetto tradizionale in genere è composto da tre materiali: cemento, sabbia e acqua. Il dosaggio di ciascuno di questi varia in base all’ambiente e alla destinazione: se è per interni o esterno, a scopo civile o industriale. Vengono poi usati additivi o altri materiali, in aggiunta a quelli tipici, per aumentare le prestazioni termiche, acustiche o di resistenza del massetto. Per esempio: ghiaia o polistirolo per alleggerire; quarzo per lisciare la superficie e rendere il massetto più tenace.

Per posare i pavimenti ceramici (compresi cotto, gres, pietre, marmi e quant’altro non patisca l’umidità) bisogna attendere almeno 10 giorni dalla realizzazione del massetto.
Per parquet, linoleum, resine e laminato, la superficie si considera pronta per la posa del rivestimento solo quando l’umidità dei sottofondi ha raggiunto livelli inferiori al 2% in tutto lo spessore.

 
Nuovi prodotti premiscelati

Talvolta molto specifici per risolvere particolari situazioni, quasi tutti i prodotti oggi in commercio per realizzare il massetto sono dei premiscelati pronti all’uso, a cui basta aggiungere solo acqua. I prodotti più commercializzati si dividono in due categorie: i rapidi e i semirapidi. Le prestazioni sono tali da consentire il raggiungimento della maturazione completa di un sottofondo di 5 cm in soli 7 giorni per i rapidi; in 20 giorni per quelli semirapidi.

Ecco alcuni dei fornitori di Veneta Massetti:
kerakollKeracem® eco Pronto di Kerakoll è il massetto minerale ecocompatibile pronto all’uso. A presa normale e rapida asciugatura, è riciclabile come inerte a fine ciclo di vita. È venduto in pacchi da 30 kg. Prezzo su preventivo. www.kerakoll.com

 

laterlite

Lecamix Fast di Laterlite a base di argilla espansa è il massetto premiscelato leggero e isolante che permette di applicare il parquet dopo soli 7 giorni. Una confezione ha capacità di 26 litri. Prezzo su preventivo. www.leca.it

 

CONDIVIDI
Prossimo articoloQuanto è importante una corretta posa in opera?
Veneta Massetti
Veneta Massetti SNC opera da oltre 20 anni nell’ambito dell’edilizia ed è specializzata nella fornitura e posa in opera di massetti, sottofondi allegeriti su edifici industriali e civili. Specialisti del massetto, offrono i loro servizi specializzati per pavimentazioni perfette ed impeccabili.

LASCIA UN COMMENTO