Posa pavimenti con Veneta Massetti

0
539
posa pavimenti

Posa pavimenti con Veneta Massetti

Che si tratti di nuove costruzioni civili o industriali o ristrutturazioni ( in particolare quando si decide di rifare la rete idrico-sanitaria e gli impianti) è indispensabile una corretta posa dei pavimenti con i prodotti e gli strumenti idonei alla loro realizzazione.

La durata di una pavimentazione è data non solo dalla finitura superficiale che si sceglie, ma soprattutto dalle caratteristiche del sottofondo e dalle modalità di preparazione, di messa in opera, di compattazione e di stagionatura del massetto.

Per ogni tipologia di pavimentazione infatti, sia essa in ceramica, in materiale lapideo, tessile, resiliente o in legno, la sua durata e funzionalità dipendono soprattutto dalle caratteristiche fisiche ed elasto-meccaniche del supporto.

Posa pavimenti: il massetto

Il massetto è il protagonista quando si tratta della posa pavimenti. E’ di spessore variabile e serve per raggiungere le quote di progetto e fornire un piano di posa idoneo al tipo di pavimentazione previsto.

Il sottofondo invece è l’insieme degli strati interposti fra il solaio e il massetto di posa, utile a ripartire i carichi trasmessi dal pavimento alla struttura portante, livellare le irregolarità del solaio grezzo e ad inglobare e proteggere eventuali tubazioni.

Posa pavimenti: da cosa è formato il massetto?

Il massetto viene realizzato tramite l’utilizzo di malte confezionate con leganti cementizi o a base di anidrite.

Che venga posato in aderenza ad un sottofondo portante (solaio in c.a.), su uno strato di desolidarizzazione (barriera al vapore) oppure su uno strato di isolamento termico e/o acustico, il massetto viene classificato come “aderente”, “desolidarizzato” o “galleggiante”. Oppure, nel caso incorpori un sistema di riscaldamento/ raffrescamento a pavimento, viene definito “radiante”.

Posa pavimenti: le caratteristiche del massetto

Grazie al massetto si ottiene un supporto idoneo alla posa della pavimentazione prevista che garantisce un’adeguaa durabilità alla pavimentazione.

Per essere idoneo alla posa pavimenti, il massetto deve avere uno spessore adeguato e le corrette resistenze meccaniche.

Ma non solo, deve inoltre presentarsi compatto ed omogeneo in superficie e in tutto il suo spessore, stagionato, privo di fessurazioni, pulito (in quanto lo sporco e qualsiasi materiale presente sulla superficie del massetto potrebbe compromettere l’adesione della pavimentazione al massetto), asciutto, planare e liscio.

Il massetto viene gettato in opera sui solai di piano a tramezzature ultimate.

Può essere inoltre posato su sottofondo o su pannelli  isolanti, con l’eventuale interposizione di uno strato di scorrimento.

Il massetto inoltre può essere armato con rete elettrosaldata, metallica o in fibra di vetro, al fine di ripartire i carichi verticali che gravano su di esso.

Il massetto inoltre può anche non essere armato e può contenere uno strato di isolamento termo-acustico.

La corretta posa pavimenti prevede anche l’inserimento di adeguati giunti o intagli, volti a frazionare la superificie del getto.

I massetti per la posa pavimenti di Veneta Massetti, insieme agli altri elementi e strati funzionali che costituiscono il supporto, garantiscono la funzionalità del sistema di pavimentazione e collaborazione per lo svolgimento delle funzioni progettate.

Flessibilità e organizzazione ci permettono di realizzare anche diverse centinaia di mq al giorno di massetti.

Affidati agli specialisti del massetto dal 1996

LASCIA UN COMMENTO